Volley, Miriam Sylla: la sua storia dall’infanzia difficile alla nazionale

sylla
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una storia fatta di sacrifici, sudore ma anche successo. Una storia che, in questo difficile periodo storico, può essere fonte d’ispirazione e d’esempio. Stiamo parlando di Miriam Sylla, un passato difficile ed un presente da giocatrice della nazionale italiana di volley.

Nata a Palermo nel 1995, Miriam è già una colonna portante della nazionale e di Conegliano, top team in Serie A1. A soli 25 anni ha già un palmares di tutto rispetto: uno scudetto, due coppe Italia, due Supercoppe e l’argento conquistato in maglia azzurra negli ultimi mondiali in Giappone. Eppure non è sempre stato tutto rosa e fiori.

Come raccontato nella sua autobiografia “Tutta la forza che ho”, Miriam ha raccontato l’infanzia difficile tra paure ed insulti razzisti. Ma c’è spazio anche per i tanti sacrifici fatti dai suoi genitori giunti in Italia dalla Costa D’Avorio. Un grande esempio per la giocatrice che, nonostante le difficoltà, è cresciuta con tanto amore e grinta per arrivare oggi in vetta.