Serie B, Spinelli, patron del Livorno: “Il campionato di B va congelato”

Aldo Spinelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ne ha per tutti il presidente del Livorno, Aldo Spinelli, che, durante l’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport” spazia a 360°, dal dramma del coronavirus alla necessità di congelare la classifica del campionato di serie B e chiudere qui la stagione.

“Sono stato il primo, il 25 febbraio, a far sanificare le nostre sedi in tutta l’Italia, a far mettere le mascherine ai miei quasi 6.000 dipendenti. E abbiamo avuto solo 4 positivi. Bisognava pensarci prima, tutti. Invece ci sono scienziati che un giorno dicono una cosa e poi ne dicono un’altra, i politici si stanno impegnando ma non erano pronti: temo che i contributi arriveranno quando le imprese saranno morte. Solo i Governatori si stanno superando, fanno quello che dovrebbe fare il Governo. La Lombardia è il cuore dell’economia, ha contatti con tutto il mondo, in un attimo si è scatenato il virus. E poi quella partita dell’Atalanta a San Siro, contro il Valencia… Mi spiace ma quella sera non si doveva giocare”.

Così il numero 1 dei labronici che ammette di sentire l’assenza del calcio giocato.
“E’ una sofferenza, per chi è abituato a vivere di calcio, come me. Manca a tutti, ma se non c’è la salute garantita non si può giocare. Abbiamo paura a uscire di casa, non si può pensare al calcio”.

Poi, l’affondo sulla stagione in corso.
“Ho letto il protocollo della A, mi auguro che si possa ricominciare perché è il traino, ma se c’è questa situazione in Lombardia, Veneto o Piemonte, come si fa a giocare in quelle regioni? Potrebbero farlo da Roma in giù. E poi penso alla Samp che ha avuto 7 giocatori positivi, ce la faranno a tornare in forma? Ci vogliono mesi. E se poi hanno una ricaduta?”.

Ancora più netto il pensiero di Spinelli sul campionato cadetti.
“Deve essere congelato e chiuso, con 2 promozioni per una A a 22, e con 3 squadre che salgono alla C e facciamo una B a 21, senza retrocessioni. Lo dice perché il mio Livorno è ultimo in classifica? Non avrei speso un sacco di soldi a gennaio, sono convinto di poterci salvare. E poi sto vendendo, c’è un problema di fideiussioni ma va bene lo stesso: fino a giugno pago io. E’ cambiato tutto rispetto all’accordo di febbraio ma l’affare lo vogliamo fare, se l’acquirente garantisce il futuro”.

E, comunque, Spinelli non è l’unico dirigente di serie B a pensare che ormai non ci sono più i margini per ricominciare.
Ma a prevalere saranno gli interessi economici?