Serie A, si torna in campo con la 36^giornata: le probabili formazioni

inter sanchez fiorentina ribery
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo l’inatteso ko della Juventus e il rinvio della festa scudetto, la Serie A è pronta a voltare pagine e ad alzare il sipario sulla 36esima giornata. Non mancheranno le emozioni terz’ultimo turno di campionato con la corsa all’Europa League ancora da decidere e la lotta salvezza tra Genoa e Lecce che si contendono l’ultimo posto utile a rimanere in paradiso.

Ad aprire il ricco menù c’è Milan-Atalanta. Un match tutto da seguire tra le due squadre più in forma di campionato. I rossoneri di Pioli, fresco di rinnovo, ormai non temono più nulla e vogliono continuare a vincere per centrare il ritorno in Europa dopo una rimonta incredibile. Il Milan dovrà fare però i conti con assenze pesanti: per Romagnoli stagione ormai conclusa, ma out saranno anche Theo Hernandez e Bennacer, entrambi squalificati. In casa Atalanta Gasperini dovrà invece monitorare le condizioni di Zapata, Djimsiti e Palomino.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Gabbia, Laxalt; Kessié, Biglia; Saelemaekers, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Pasalic, Gomez; Muriel

Sabato 25 luglio tocca a Brescia-Parma aprire il tabellone. Un match che nulla ha da dire vista la retrocessione ormai matematica della formazione lombarda e la salvezza acquisita dai ducali.

BRESCIA (4-4-2): Joronen; Semprini, Papetti, Chancellor, Martella; Spalek, Tonali, Dessena, Zmrhal; Torregrossa, Al. Donnarumma

PARMA (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Giu. Pezzella; Grassi, Barillà, Kurtic; Kulusevski, Inglese, Gervinho

Alle 19.30 tutta da seguire la sfida tra Genoa e Inter, entrambe bisognose di punti per non fallire i rispettivi obiettivi. I liguri vogliono altri tre punti per avvicinarsi alla salvezza dopo il successo nel derby con la Samp, ma dovranno fare a meno dello squalificato Lerager e degli infortunati Sturaro e Radovanovic. L’Inter, invece, si mangia le mani per l’ennesima occasione sprecata con la Fiorentina e vuole adesso concentrarsi sul secondo posto al momento occupato dall’Atalanta. Conte vuole tentare il tutto per tutto fin quando la Juventus non avrà la matematica certezza del nono scudetto consecutivo, da qui l’idea di non stravolgere i piani tattici. Out Barella per squalifica, da valutare le condizioni di De Vrij.

GENOA (4-4-2): Perin; Biraschi, Goldaniga, Masiello, Criscito; Iago Falque, Behrami, Schöne, Jagiello; Pandev, Pinamonti.

INTER (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, Ranocchia, Bastoni; Candreva, Gagliardini, Brozovic, Young; Eriksen; Lukaku, Lautaro Martinez

Il sabato calcistico si chiude con Napoli-Sassuolo. I partenopei devono tornare al successo e Gattuso si affiderà quasi certamente al tandem Mertens-Callejon.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Lobotka, Zielinski; Callejon, Milik, Insigne

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Marlon, G. Ferrari, Kyriakopoulos; Magnanelli, Locatelli; Berardi, Djuricic, Haraslin; Caputo

Le partite di domenica 26 luglio

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Medel, Dominguez; Orsolini, Soriano, Sansone; Barrow

LECCE (4-3-2-1): Gabriel; Rispoli, Lucioni, Paz, Donati; Mancosu, Petriccione, Barak; Falco, Saponara; Lapadula


CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Walukiewicz, Klavan, Lykogiannis; Faragò, Nandez, Ionita, Rog, Mattiello; Simeone, Joao Pedro

UDINESE (3-5-2): Musso; De Maio, Nuytinck, Samir; Stryger-Larsen, Fofana, De Paul, Sema, Zeegelaar; Okaka, Nestorovski


ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Smalling, Kolarov; Bruno Peres, Diawara, Veretout, Spinazzola; Lo. Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko

FIORENTINA (3-5-2): Terracciano; Milenkovic, Ger. Pezzella, Caceres; Chiesa, Ghezzal, Pulgar, Duncan, Lirola; Cutrone, Ribery


SPAL (4-5-1): Letica; Cionek, Vicari, Salamon, Reca; D’Alessandro, Missiroli, Valdifiori, Murgia, Strefezza; Petagna

TORINO (3-4-1-2): Sirigu; Lyanco, Nkoulou, Bremer; Aina, Meité, Rincon, Ansaldi; Verdi; Zaza, Belotti


VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Gunter, Empereur; Faraoni, Veloso, Amrabat, Lazovic; Pessina, Borini; Salcedo

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Cataldi, Luis Alberto, Jony; Immobile, Correa


Chiude il programma la Juventus. L’obiettivo è vincere per chiudere definitivamente il discorso scudetto e una stagione difficile, soprattutto dopo la ripresa del campionato in seguito al coronavirus. La Sampdoria è ormai salva e sulla carta non dovrebbe esserci partita, ma per Sarri le insidie sono dietro l’angolo. Bonucci rientra dalla squalifica ed è pronto a guidare la difesa, in avanti tocca a Dybala e Ronaldo.

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Bonucci, A. Sandro; Bentancur, Pjanic, Rabiot; Bernardeschi, Dybala, C. Ronaldo

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Chabot, Augello; Depaoli, Thorsby, Linetty, Jankto; Gabbiadini, Quagliarella