Serie A, si parte! Le probabili formazioni e le ultime sulla prima giornata

Pirlo durante il primo allenamento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Finalmente si parte. Oggi si alza il sipario sul campionato di Serie A 2020-2021 dopo quasi due mesi di pausa dalla fine della scorsa stagione che passerà alla storia per il lungo stop dovuto al coronavirus e il finale in piena estate. Ma adesso occorre guardare avanti nonostante le mille incognite lasciate dalla pandemia e i tanti divieti a cui sottostare. Il più duro da digerire, per i milioni di tifosi italiani, è senz’altro quello che impone le porte chiuse in tutti gli stadi. Si partirà come si è iniziato: tribune vuote e tutti davanti alla tv a tifare la propria squadra dal salotto di casa.

Ad aprire la nuova stagione saranno Fiorentina e Torino, impegnate alle 18 di questo pomeriggio in un match aperto ad ogni possibilità. Tra i viola appare scontato il debutto di Bonaventura mentre sarà più difficile vedere in campo dal primo minuto Borja Valero, tornato a Firenze dopo l’esperienza con l’Inter. Iachini potrebbe optare per un 3-5-2 affidandosi all’estro di Ribery. In casa Torino tutti gli occhi sono puntati sull’esordio in panchina di Giampaolo che potrebbe varare il 4-3-1-2 con la coppia d’attacco Zaza-Belotti.

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ger. Pezzella, Caceres; Chiesa, Bonaventura, Duncan, Castrovilli, Biraghi; Kouamé, Ribery

TORINO (4-3-1-2): Sirigu, Izzo, Bremer, Nkoulou, Murru; Meité, Rincon, Linetty; Berenguer; Zaza, Belotti

Il menù continua con il primo posticipo serale della stagione. In campo subito la Roma che farà visita al Verona, reduce dall’ottima annata appena conclusa. Anche in questo caso può succedere di tutto e lo spettacolo non mancherà di certo. I veneti partono con una difesa rivoluzionata dalla partenza dei pezzi pregiati come Rrahmani, ceduto al Napoli, e Kumbulla passato proprio alla Roma. Si punta all’ex giallorosso Cetin per dare compattezza alla difesa. La Roma invece convoca Dzeko nonostante le sirene di mercato sempre più insistenti. Kumbulla non dovrebbe partire titolare contro i suoi ex compagni. Quasi certo l’arretramento di Cristante, con Mancini e Ibanez. Karsdorp e Spinazzola ad agire sugli esterni. A centrocampo Diawara affiancherà Veretout, con Lorenzo Pellegrini alle spalle di Mikhitaryan insieme a Peres.

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Cetin, Günter, Empereur; Faraoni, Tameze, Veloso, Dimarco; Zaccagni, Ilic; Di Carmine

ROMA (3-4-2-1): Mirante; Mancini, Cristante, Ibanez; Karsdorp, Diawara, Veretout, Spinazzola; Lor. Pellegrini, Carles Perez; Mkhitaryan

Domani, invece, saranno di scena le prime due big, visto il riposo aggiuntivo di Inter e Atalanta reduci dalle fatiche delle coppe europee. Alle 12.30 c’è Parma-Napoli con l’esordio di Liverani sulla panchina gialloblu e la voglia di riscatto degli uomini di Gattuso a far salire la carica agonistica. Per i partenopei c’è grande attesa per vedere in campo Osimhen, ma l’attacco non soffre certo di carenza di alternative visti gli scalpitanti Politano, Insigne e Mertens.

PARMA (4-3-1-2): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Giu. Pezzella; Grassi, Brugman, Hernani; Kucka; Inglese, Gervinho

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme, Zielinski; Politano, Mertens, Insigne

Le altre gare di domenica 20 settembre

GENOA (3-5-2): Perin; Biraschi, Radovanovic, C. Zapata; Ghiglione, Lerager, Schone, Zajc, Criscito; Pandev, Destro

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Magallan, Marrone, Golemic; Rispoli, Eduardo, Cigarini, Zanellato, Molina; Messias, Simy


SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Chiriches, G. Ferrari, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Berardi, Djuricic, Haraslin; Caputo

CAGLIARI (4-3-3): Cragno; Faragò, Walukiewicz, Pisacane, Lykogiannis; Nandez, Marin, Rog; Sottil, Simeone, Joao Pedro

La prima domenica di campionati chiude col botto. In campo i campioni d’Italia in carica della Juventus contro la Sampdoria. Inutile dire che tutta l’attenzione è su Andrea Pirlo, all’esordio assoluto in panchina. Il neo tecnico bianconero non potrà contare su Alex Sandro, infortunato, mentre potrà lanciare dal primo minuti il nuovo arrivo Kulusevski. L’altro volto nuovo è invece in competizione con Ramsey per la maglia da titolare. In casa Sampdoria out Gabbiadini. In campo fin dal primo minuti Thorsby ed Ekdal, in un centrocampo composto anche da Depaoli e Jankto. In avanti la coppia Quagliarella-Bonazzoli.

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini; Cuadrado, Rabiot, Bentancur, Ramsey, Lu. Pellegrini; Kulusevski, Ronaldo

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Depaoli, Thorsby, Ekdal, Jankto; Bonazzoli, Quagliarella

Si prosegue lunedì con il posticipo tra Milan e Bologna. Dopo la vittoria nei preliminari di Europa League i rossoneri puntano al primo acuto della stagione. Pioli dovrà fare a meno di Romagnoli, Musacchio e Leao. Si va quindi verso un 4-2-3-1 con la coppia Kessié-Bennacer davanti alla difesa, composta da Gabbia e Kjaer con Calabria e Theo Hernandez sulle fasce. In attacco l’intoccabile Ibrahimovic supportato da Rebic, Calhanoglu e Castillejo. Nel Bologna subito pronto l’ultimo arrivato De Silvestr. In mediana competizione tra Poli e Nico Dominguez per affiancare Schouten. Palacio prima punta, con Barrow esterno a sinistra.