Serie A: l’Inter è sempre più pazza, folle 4-3 con la Fiorentina

InterX
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sotto 3 a 2 a 4 minuti dal 90′ l’Inter riesce a mettere a segno due reti nei minuti restanti e battere una Fiorentina che aveva mostrato un Ribery sontuoso e stava per compiere l’impresa.

Un sabato sera vietato ai deboli di cuore a San Siro, dove l’Inter ha battuto, in rimonta, la Fiorentina per 4-3 segnando due gol nei minuti finali.
E’ stata una partita entusiasmante con tante belle giocate e tanti errori delle difese. Fiorentina che era riuscita a passare subito in vantaggio, dopo appena 3′ con Kouame, servito da uno scatenato Ribery, dopo un gran cross di Biraghi, col destro e un’incertezza dei difensori di casa. Tra la fine del primo e l’inizio del secondo tempo, l’Inter ribaltava il punteggio con un gran destro di Lautaro e l’autogol di Ceccherini.

Ma a questo punto ecco che saliva in cattedra il fenomeno Ribery. Due assist sontuosi, da primo della classe, uno per Castrovilli e uno meraviglioso per Chiesa, permettevano ai viola di mister Iachini di tornare avanti per 3 a 2. E, quando il match sembrava volgere al termine, l’Inter rimetteva le mani sui tre punti. Tra il 41′ e il 43′ prima Hakimi mandava in gol Lukaku, quindi una clamorosa incertezza della difesa permetteva a D’Ambrosio di staccare di testa e fissare il punteggio sul 4 a 3, dopo che, c’è da dire, Vlahovic sul 3 a 2 per i toscani aveva incredibilmente fallito il poker, ancora una volta su assist di un incontenibile Ribery (uscito fra gli applausi del poco pubblico presente).
Passano gli anni, quindi, ma è sempre la solita pazza Inter.