Serie A, Inter – Torino 4-2: rimonta pazzesca dei nerazzurri

MILAN, ITALY - NOVEMBER 22: Romelu Lukaku of Inter Milan celebrates after scoring their sides second goal during the Serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 22, 2020 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Come da tradizione, è una pazza Inter. La squadra di Conte tocca il baratro addirittura sullo 0-2, ma riesce a rimontare chiudendo largamente per 4-2. A suonare la carica la coppia d’attacco Sanchez – Lukaku.

Primo tempo: parte bene il Torino ed al 9′ trova l’esterno della rete con Zaza lanciato in campo dopo l’infortunio per Belotti. La gara è aperta ma è il Toro a creare di più. Al 22′ ancora Zaza spara su Handanovic da buona posizione. Iniziano le ammonizioni ed al 41′ il Toro perde anche Verdi per infortunio. Il trequartista viene sostituito da Bonazzoli. In pieno recupero gli ospiti passano in vantaggio con Zaza dopo il grave errore di Sanchez.

Secondo tempo: si riparte con nessun cambio ed un Inter che prova a cercare il pareggio. Al 61′, però, il Var richiama l’arbitro che concede il rigore per fallo di Young su Singo: dagli undici metri l’ex di turno Ansaldi non sbaglia. Sembra finita ma dopo appena due minuti l’Inter la riapre con la zampata in area di Sanchez. Passano ancora 120 secondi ed il cileno confezione un perfetto assist per Lukaku che trova il pareggio. Il Torino scompare dal campo e l’Inter crede nella vittoria: Ranocchia da pochi passi non trova la girata vincente. All’84’ ancora il Var interviene ed è rigore per i nerazzurri dopo un fallo di Nkoulou. Dagli undici metri non sbaglia ancora Lukaku. Al 90′ arriva anche il poker con il neo entrato Lautaro Martinez servito in contropiede dal compagno di reparto belga.