Serie A, Inter: le parole di Conte verso Inter-Sampdoria

Conte in panchina a Napoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In un’intervista rilasciata al sito ufficiale dell’Inter, il tecnico nerazzurro Antonio Conte ha parlato della gara di domani contro la Sampdoria. La sfida alla squadra di Ranieri è il recupero della 25^ giornata che non si era giocato ai primi di marzo. Di seguito le sue parole.

“Sicuramente c’è tanta voglia di ricominciare – ha esordito l’allenatore salentino – Ai calciatori non basta allenarsi e basta, non è il massimo, tutti quanti abbiamo bisogno di gare ufficiali. Quindi c’è tanta voglia da parte nostra, abbiamo lavorato tanto per farci trovare pronti e per fare questo rush finale nel migliore dei modi”.

Sulla variante tattica:

“Abbiamo sfruttato questo periodo per lavorare dal punto di vista fisico e tattico. Dal punto di vista tattico abbiamo cercato di lavorare per cercare di migliorare ancora di più, e avere diverse soluzioni. Credo che Eriksen ora si sia totalmente ambientato nella nostra realtà. Cerchiamo di trovare situazioni di gioco per esaltare tutte le caratteristiche dei giocatori che ci sono in rosa. Sono contento del lavoro che abbiamo fatto perché abbiamo implementato le conoscenze che abbiamo appreso nei sette mesi precedenti. Il nostro obiettivo è sempre quello di esaltare le caratteristiche di tutti i calciatori in rosa. Abbiamo lavorato bene per studiare e sono contento perché adesso abbiamo anche altre soluzioni”. 

Sull’avversario di giornata:

Ogni allenatore cerca di prevedere che tipo di gioco e formazione si troverà. Claudio è un ottimo allenatore, quello che ha fatto con il Leicester è straordinario, ed è una grandissima persona che ho avuto e ho il piacere di frequentare. Gli auguro il meglio a partire dalla prossima partita, dopo che giocheranno contro di noi (ride, ndr)”.

Sulla speranza che davanti rallentino:

“La prima cosa che dobbiamo fare è cercare di vincere la partita contro la Sampdoria, significherebbe andare a 6 punti e non sarebbe un distacco abissale. Abbiamo lavorato molto bene, intensamente sia dal punto di vista fisico che tattico. Noi ci vogliamo giocare questo finale del campionato al massimo senza porci limiti. Chiaramente i nostri margini d’errore sono minori rispetto a chi sta davanti, ma c’è la passione e tanto lavoro alle spalle per poter far bene. Siamo fiduciosi“.

Sui tifosi:

“Penso che soffriranno ancora un po’ perché è inevitabile che la mancanza di tifosi allo stadio la avvertiamo tutti e ci auguriamo che questa pandemia venga debellata presto e che si torni alla normalità. Il calcio ha bisogno del pubblico e ci auguriamo quanto prima di riabbracciare i nostri tifosi”.

Sulle cinque sostituzioni:

La nuova normativa sui cambi penso che sia giusta: giocheremo ogni tre-quattro giorni, il caldo sarà un fattore e perciò avremo bisogno di tutti quanti. Abbiamo lavorato anche da punto di vista, cercando di mischiare tutti i calciatori. Sono molto sereno: ognuno dei miei ragazzi sa quello che deve fare, sia se gioca dal primo minuto che se subentra a partita in corso.