Serie A, Cagliari – Sampdoria 2-0: i sardi dominano il match

joao_pedro_cagliari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Cagliari vince e lo fa con merito contro una Sampdoria che non aveva demeritato sino all’inferiorità numerica. Il 2-0 finale non sottolinea, comunque, il dominio dei sardi che potevano sfruttare le molte occasioni avute. A decidere il match ci pensano i due giocatori più in forma: Joao Pedro e Nandez.

Primo tempo: Cagliari subito vicino al vantaggio al 6′ con l’incrocio dei pali colpito da Joao Pedro di testa. La gara è equilibrata e si gioca a ritmi non altissimi. La Sampdoria si affaccia in avanti al 34′ ma Zappa salva prima del tap in di Jankto. Quattro minuti dopo arriva la svolta del match: Augello sbaglia il retropassaggio e stende Nandez. L’arbitro ammonisce il calciatore ma, richiamato dal Var, decide di sventolare il cartellino rosso per fallo da ultimo uomo.

Secondo tempo: la ripresa si apre con il calcio di rigore per il Cagliari. Al 48′ Joao Pedro supera Tonelli che fa fallo d’ostruzione. Dagli undici metri lo stesso attaccante brasiliano trova il vantaggio. Al 53′ il Cagliari riparte in contropiede ma Ounas spreca calciando sull’esterno. La Sampdoria scompare dal campo ed al 62′ è Sottil a sfiorare la rete due volte. Due minuti dopo è il turno di Lykogiannis che calcia alto dalla distanza. Il raddoppio arriva al 68′ con l’azione di contropiede di Nandez lanciato da Simeone: il centrocampista dribbla anche l’ultimo uomo e trova la rete. Iniziano i cambi ed al 79′ il Cagliari trova il tris con Sottil imbeccato da Ounas: il Var, però, annulla per fuorigioco. L’attaccante ci riprova poco dopo ma il suo tiro è debole.