World Rugby: varate 10 nuove misure facoltative anti-Covid

World rugby-official twitter
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono state approvate, dal Comitato esecutivo di World Rugby, 10 sperimentazioni facoltative al regolamento che potranno tornare utili alle federazione per ridurre i rischi legati alla trasmissione del Covid-19.
Modifiche temporanee e facoltative che la singola federazione deciderà se sperimentare in totale autonomia.
Mischie e maul saranno limitate ma non vietate (“le mischie continueranno a svolgersi ma se crolleranno verrà fischiato immediatamente un calcio indiretto, sarà limitato il numero dei giocatori che parteciperanno alle ruck e maul, sarà ridotto da cinque a tre secondi il tempo per giocare la palla dalla base di mischie e ruck e sarà consentito solo uno stop alle maul. Cartellino immediato per i placcaggi alti”).

Così si potrebbero ridurre le possibilità di contagio, secondo la WR, del 30% nelle mischie, del 25% nelle ruck e del 50% nelle maul.

Questi in sintesi i punti nodali: un solo reset alle mischie chiuse; limitato il numero dei partecipanti alle ruck; limitato il numero dei partecipanti alle maul; passa da 5 a 3 secondi il tempo di durata di una ruck con la palla a disposizione; passa da 2 a 1 lo stop alle maul avanzanti; cartellino immediato per i placcaggi alti.

Per quanto riguarda le misure igieniche, previste sanificazione obbligatoria mani e viso pre e post partita, sanificazione del pallone prima, durante e dopo le partite, bottiglie d’acqua mono uso, cambio divisa a fine primo tempo e limitazioni alle esultanza.