Nba, la ripresa: salgono a sette i giocatori positivi al Covid

LOS ANGELES, CALIFORNIA - MARCH 06:  Giannis Antetokounmpo #34 of the Milwaukee Bucks attempts to get open as LeBron James #23 of the Los Angeles Lakers defends during the third quarter at Staples Center on March 06, 2020 in Los Angeles, California.  NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement.  (Photo by Harry How/Getty Images)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C’è grande attesa per la ripresa della stagione NBA. Dopo lunghe settimane di riunioni ed accordi, il massimo torneo mondiale di pallacanestro è pronto a tornare sul parquet. Tuttavia, nelle ultime ore, a destare preoccupazioni sono le condizioni sanitarie. Molti giocatori non stanno superando i test anti Covid e salgono a sette gli atleti positivi.

L’ultimo caso è quello di Malcon Brogdon degli Indiana Pacers, insieme a lui Jokic, Hield, Parker, Alex Len e due cestisti dei Phoenix Suns non ancora identificati. Il contagio, quindi, avanza e mette a serio rischio la regolarità della conclusione stagionale.

Oltre ai casi positivi, però, ci sono anche le rinunce volontarie. Dopo Bertans e Ariza, c’è un altro forfait, pesante, perché si tratta di Avery Bradley, guardia dei Los Angeles Lakers e giocatore indispensabile per la conquista del titolo da parte dei californiani. L’ex Grizzlies é stato costretto a rinunciare per motivi famigliari. I gialloviola proveranno a correre ai ripari ma rischiano di perdere anche Howard, tra i più attivi nelle proteste dopo la morte di George Floyd.

View this post on Instagram

The Truth Is #BlackLivesMatter.

A post shared by #WholeNewGame (@nba) on