Ligue 1: c’è l’accordo sul taglio degli stipendi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mentre il sindacato dei calciatori francese esprime il suo secco “NO” ad un eventuale ritorno al calcio giocato, come si evince dalle parole suo co-presidente, Sylvain Kastendeuch, sulle colonne del quotidiano “Le Monde“: “L’emergenza economica non deve avere la precedenza sull’imperativo della salute pubblica. Rinunciamo a una ripresa del campionato che, in queste condizioni, sarebbe affrettata e pericolosa”, pare, invece, che, dopo giorni di scontri si sia arrivato ad un accordo sul taglio degli stipendi.

La Lega dei club della Ligue 1, il sindacato allenatori e il sindacato giocatori si sono accordati, come recita una nota ufficiale, ad “accettare individualmente la scissione dell’indennità di attività parziale che deve essere loro corrisposta. Tutti i club professionistici hanno anche accettato di rinunciare a determinati aiuti di Stato per i loro dipendenti più pagati”. Anche dirigenti di federazione e club taglieranno loro stipendio del 30%.

C’è da tenere in conto, tuttavia, che alcuni club importanti nel panorama calcistico francese, quali Psg, Marsiglia e Monaco, vorrebbero alzare l’asticella alla voce taglio dei salari lordi, superando la soglia del 30%, ma su questo fronte sindacati e giocatori sono pronti a fare dura opposizione.