Le fasi principali di un torneo

Scuola-Poker-Italia-I-range-nel-poker-2
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I tornei di Poker sono più complessi di quanto potresti immaginare, ma puoi dividerli in alcune fasi principali per avere le idee più chiare su come comportarti. Scopriamole insieme.

Fase iniziale

I primi livelli di bui sono una fase molto importante, in quanto è qui che inizi a prendere famigliarità con il tavolo e costruirti un’immagine.

In queste fasi hai tipicamente a disposizione uno stack molto profondo, che ti consente di goderti molti Flop per una minuscola porzione dello stesso. Per questo motivo lo stile ideale ad inizio torneo è di solito piuttosto loose, nella speranza di centrare una mano monster e vincere un pot enorme.

Dati gli stack effettivi molto grandi dovresti comunque evitare rischi inutili, in quanto un raddoppio non giustificherebbe comunque il rischio di uscire dal torneo in un colpo marginale.

La tua filosofia dovrebbe essere quella di fare molti piccoli investimenti, aspettando pazientemente il momento buono per fare chips. Cerca di non essere ossessionato dall’accumulare in fretta un monster stack: il torneo è ancora lungo e la situazione può ribaltarsi molto in fretta al salire dei bui.

Fase intermedia

Le fasi centrali di un torneo sono spesso caratterizzate dall’ingresso degli ante in gioco – quella piccola quantità di chips che ogni giocatore è tenuto a pagare prima di ricevere le proprie carte – e dal ridursi dello stack medio al tavolo.

La conseguenza diretta degli ante è che ogni piatto risulta più appetibile sin dal Preflop e pertanto avrai un buon motivo per giocare in modo più aggressivo.

Siccome in questa fase di gioco ti troverai spesso a gestire uno stack effettivo di 50 bui o anche meno, dovrai essere molto più selettivo con le tue mani di partenza ed iniziare ad usare una mentalità più combattiva. Ogni piatto fa la differenza ed ogni singolo errore può rivelarsi fatale.

A questo punto del torneo dovresti avere un’idea abbastanza chiara di come giocano i tuoi avversari. Cerca di attaccare quelli più arrendevoli, rubando i loro bui ed effettuando contro-rilanci sulle loro aperture. In questo modo riuscirai a vincere molti piatti piccoli e medi, che diventano sempre più importanti con l’alzarsi dei bui.

Fase finale

Nella maggior parte dei tornei le fasi finali sono caratterizzate da stack medi molto piccoli, spesso inferiori a 20 bui.

In queste condizioni la giocabilità nel Postflop è ridotta allo stremo e quasi tutte le decisioni decisive avvengono nel Preflop.

Cerca di giocare molto di posizione e concentrarti sul furto dei bui: a questo punto del torneo ogni singolo buio può fare la differenza e non dovresti farti sfuggire alcuna opportunità. 

Se il tuo stack si accorcia troppo, non avere paura di utilizzare una strategia di all-in o fold. Volente o nolente dovrai correre dei rischi: è l’unico modo per arrivare sul podio ed aggiudicarsi i premi che contano.

Le bolle

Un paragrafo a parte lo meritano senza dubbio le dinamiche di bolla, ossia quelle a ridosso di un traguardo monetario. Il plurale non è un errore: nel tipico torneo esistono infatti almeno due bolle – quella dei premi e quella del tavolo finale.

In questi momenti del torneo i giocatori meno esperti che hanno uno stack medio tendono a giocare in modo molto conservativo e sono per questo facili da attaccare.

Quando sei a ridosso dei premi o del tavolo finale cerca di sfruttare questa situazione per applicare la massima pressione. Puoi farlo aprendo un range più largo Preflop e sfruttando più spesso rilanci e contro-rilanci. Vincere i piatti in questi momenti è molto semplice e spesso ti ritroverai a raddoppiare il tuo stack senza vedere nemmeno uno showdown.

Attenzione quando un giocatore timido decide di darti azione: per quanto detto in precedenza dovresti prestare una dose di attenzione extra in questi casi.

Non avere paura di uscire dal torneo in queste fasi. Il tuo obbiettivo dovrebbe sempre essere quello di raggiungere le primissime posizioni, anche a costo di correre qualche rischio in più nelle fasi più delicate.

Il fatto che un MTT possa essere diviso in diverse fasi, ognuna di esse peculiare, è uno degli aspetti che rendono questa variante una delle più affascinanti. Seguendo questi consigli riuscirai ad adattarti in modo ottimale ad ognuno di questi momenti ed essere così sempre un passo avanti ai tuoi avversari.