Formula 1, circuito del Mugello: quando storia e tradizione abbracciano il futuro

circuito-del-mugello2
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Credo proprio che il Mugello sia una delle piste preferite dai piloti, meriterebbe di ospitare un GP di F.1”. Parole sicure e decise che fanno rima con investitura ufficiale. A pronunciarle è Sebastian Vettel, il riferimento diretto risponde a nome di Mugello. Il circuito toscano sul quale sono state scritte pagine storiche dei motori italiani. Dai successi di Valentino Rossi, ben nove, fino al rosso Ferrari di Schumacher e Raikkonen.

Ma tornando al presente, le parole di Vettel si riferiscono ad un annuncio che si attende nelle prossime ore. Il Mugello potrebbe essere inserito nel mondiale di Formula 1. La data è quella del 13 settembre, la settimana successiva al gran premio di Monza. Un momento storico perchè si tratterebbe del primo GP di Formula 1 e coinciderebbe con il numero 1000 per la scuderia di Maranello.

Un legame indissolubile quello tra il Mugello ed il cavallino rampante che affonda le proprie radici negli anni Settanta. Inaugurato nel 1974, è di proprietà della Ferrari dal 1988 e si caratterizza come un circuito veloce e spettacolare. Oltre ad essere, però, la pista di riferimento per i test Ferrari, il Mugello è anche la casa della Moto Gp.

Grazie ai veloci rettilinei ed alle frenate spettacolari come la “San Donato”, il circuito toscano rappresenta una delle perle a livello mondiale. Qui Valentino Rossi ha scritto la storia ottenendo nove vittorie. Adesso si attende solo l’annuncio ufficiale: la Formula 1 presto in pista al Mugello.