Ciclismo, l’accusa di Marion Sicot:” Il diesse voleva le mie foto in mutande”

54b0d
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una brutta storia che affonda le proprie radici negli anni passati. Protagonista Marion Sicot, ciclista della Doltcini-Van Eyck Sport, sospesa lo scorso anno per utilizzo di Epo. L’atleta, adesso, accusa il proprio direttore sportivo Marc Bracke di molestie con il pretesto del controllo peso.

Adesso la vicenda è di dominio pubblico e finisce in tribunale. La Sicot, insieme alla denuncia, ha presentato tutta la messaggistica risalente al periodo a cavallo tra il 2016 ed il 2019. Adesso toccherà alla magistratura francese fare il suo corso.

Marck Bracke non commenta la vicenda, ma la stessa squadra difende l’operato del proprio manager vista la condizione fisica non ottimale che manteneva la ciclista francese. La stessa Sicot aveva ammesso di aver utilizzato epo per provare a vincere e ritornare nelle grazie del proprio direttore sportivo.