Champions League, Juventus-Lione 2-1: la magia di Ronaldo non basta

IMG_20200807_225754
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Juventus saluta la Champions League. Nonostante il 2-1 sul Lione firmato Ronaldo l’avventura europea si ferma agli ottavi di finale. Pesantissimo il rigore in avvio di gara di Depay. Poi la rimonta targata Ronaldo, ma il 3-1 non arriva e alla fine fanno festa i francesi.

Parte bene il Lione che al minuto 11 va in vantaggio su calcio di rigore assegnato dal direttore di gara tra le proteste dei bianconeri per il fallo di Bentancur su Aouar. Dal dischetto Depay realizza con il pallonetto. Ma i padroni di casa reagiscono subito e sfiorano ripetutamente il gol. Prima Bernardeschi centra l’esterno della rete da ottima posizione, poi Cristiano Ronaldo su punizione con miracolo di Lopes. Ma al 42′ l’arbitro fischia un altro rigore, questa volta per la Juventus dopo un tocco di braccio di Depay su punizione di Pjanic. Dagli undici metri Cristiano Ronaldo è impeccabile e rimette in carreggiata i suoi.

Nel secondo tempo sale in cattedra ancora Cristiano Ronaldo con un bolide al 58′ che piega le mani a Lopes. 2-1 per la Juventus. Ma i ritmi calano e la squadra di Sarri sembra affidarsi solo ai prodigi di Ronaldo. All’83’ tegola per i bianconeri quando Dybala, subentrato poco prima a Bernardeschi, è costretto a lasciare il campo per il riacutizzarsi del problema muscolare già accusato nella gara con la Sampdoria che ha deciso lo scudetto. Al suo posto il giovane Olivieri. Ma non serve a nulla, dopo sei minuti di recupero l’arbitro fischia tre volte. La Juventus paga a caro prezzo la sconfitta dell’andata.