5 buone abitudini per vincere a Poker

Scuola-Poker-Italia-5-buone-abitudini-per-vincere-a-poker
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Poker non è sempre un gioco giusto, ma sul lungo periodo l’impegno viene spesso premiato. Ecco una lista di 5 abitudini che accomunano la maggior parte dei professionisti.

1. Programmare le proprie sessioni di gioco

Se vuoi fare del Poker una fonte alternativa di guadagno, il primo punto su cui concentrarti dovrebbe riguardare il modo in cui programmi il tempo che ci dedichi.

I giocatori professionisti non giocano quando “hanno tempo” o quando sono annoiati, ma pianificano in anticipo ogni giornata per dedicare tempo al Poker.

In questo modo si assicurano di giocare il giusto: abbastanza da attenuare l’impatto della varianza, ma non così tanto stancarsi troppo.

Non dovresti pianificare solo la durata delle tue sessioni ma anche l’ora del loro inizio. Se giochi a Poker soltanto a fine giornata, è probabile che la stanchezza vada a danneggiare la tua performance e dovresti quindi evitarlo laddove possibile.

Quando usi un programma di gioco ben definito riduci anche il rischio di sederti a tavolo sotto l’effetto del tilt – evitando ad esempio di prolungare una sessione solo perchè vuoi recuperare.

2. Dedicare del tempo allo studio

Se sei un giocatore di Poker part-time, è comprensibile che tu voglia usare il poco tempo a disposizione per giocare.

Tuttavia, se vuoi davvero migliorare il tuo gioco e scalare i livelli, non puoi fare a meno di dedicare parte della tua giornata allo studio.

Una delle attività che non devi trascurare riguarda l’hand review post-sessione. Questa consiste nel rivedere le mani giocate alla ricerca di errori, o magari linee alternative. Meglio ancora se riesci a farlo confrontandoti con altri giocatori o con un coach di Poker.

Al giorno d’oggi puoi inoltre integrare lo studio con molti mezzi: ad esempio esistono diversi canali youtube e twitch dedicati al Poker.

3. Rispettare le regole del bankroll

Se sei un giocatore di Poker regolare, il bankroll è lo strumento più importante a tua disposizione. Si tratta dei soldi che decidi di tenere da parte per il gioco e non puoi farne a meno se ti vuoi sedere al tavolo con regolarità.

Prima ancora di dedicarti in modo serio al Poker, cerca di stabilire un numero di buy-in minimi da avere prima di giocare ad un certo limite.

In questo modo saprai sempre quando è il momento giusto di salire o scendere di livello, senza rischiare che un grosso downswing vada a demolire il tuo bankroll.

Il solo fatto di porti queste regole non è sufficiente, devi anche rispettarle: sono molti infatti i giocatori che chiudono un occhio fino a quando non è ormai troppo tardi.

4. Eliminare tutte le distrazioni durante il gioco

Il Poker è un’attività mentale molto complessa e se vuoi svolgerla al meglio richiede tutta la tua concentrazione.

Quando un giocatore professionista si siede al tavolo, elimina ogni distrazione e si concentra solo sull’azione.

Se vuoi migliorare la tua performance al tavolo – e di conseguenza il tuo win rate, cerca di spegnere il cellulare e chiudere tutti i siti web quando inizi una sessione.

È facile farsi prendere dalla voglia di leggere i messaggi o le news quando la mente è stanca o annoiata. Eliminando tutte queste distrazioni eviterai di essere tentato.

Meglio ancora se riesci a convincere chi ti circonda a non disturbarti durante una sessione. Spesso chi ci sta intorno non ha idea di quanto il Poker sia complesso e potrebbe sottovalutare il disturbo arrecato.

5. Tenere l’ego sotto controllo

L’ego è con tutta probabilità il nemico numero uno di ogni giocatore di Poker ed è spesso causa di tilt che si potrebbero evitare.

Un buon giocatore di Poker evita di intraprendere battaglie personali con i propri avversari ed accetta di buon grado i colpi persi.

Ricorda che ogni avversario al tavolo sta semplicemente cercando di vincere e di tanto ci riuscirà anche a tue spese. Non farne un dramma.

Se hai un amico o conoscente che sta ottenendo risultati migliori dei tuoi, prova a frenare l’invidia e concentrati solo su te stesso. Cerca piuttosto di creare un confronto che possa generare nuovi spunti e darti idee interessanti da applicare al tavolo.

Non sentirti umiliato: il fatto che un giocatore ottenga ottimi risultati non è sempre indice di bravura, e ad ogni modo non esisterebbe alcun modo per provarlo.

Come ormai avrai già intuito, il Poker competitivo è un gioco serio e come tale va affrontato con il giusto impegno. Se vuoi avere una chance di successo nel lungo periodo, concentrati molto sulla disciplina e sui sacrifici che questo obiettivo richiede.